Cisl Scuola: Soddisfazione sul valore abilitante del concorso straordinario

0
57

“Grande soddisfazione per la comunicazione odierna del Ministro Bianchi ai sindacati: il superamento del concorso straordinario ha valore abilitante”

LA CISL SCUOLA e la FLC CGIL della Valle d’Aosta accolgono con grande soddisfazione la notizia della soluzione al problema del riconoscimento da parte del Ministero del valore abilitante per coloro che hanno superato il concorso straordinario 2020.

La soluzione è la seguente:
tutti coloro che sono inseriti nelle graduatorie di merito, vincitori e idonei, del concorso straordinario per posto comune sono abilitati se in possesso del requisito previsto dal punto 1 della lettera g) del comma 9 dell’art.1 del D.L.126/2019, ossia essere stato in servizio nell’a.s.2020/2021, anno di pubblicazione delle G.M., con contratto a tempo indeterminato o determinato fino al termine dell’anno scolastico o fino al termine delle attività didattiche in una scuola del sistema nazionale di istruzione.
Gli assunti in ruolo che non avessero il requisito di non essere stato in servizio nell’a.s.2020/2021 otterranno l’abilitazione all’esito del superamento del periodo di prova, come indicato nella lettera f) del comma 9 dell’art.1 del D.L.126/2019. Anche coloro che risultino inseriti nelle G.M. 2021 del concorso STEM, qualora pubblicate, sono da considerarsi abilitati ai sensi di quanto previsto dal bando stesso.
CISL Scuola e FLC CGIL hanno sostenuto fin da subito la necessità di permettere a tutti coloro che hanno superato il concorso straordinario 2020, l’ordinario STEM 2021 (e a coloro che supereranno i prossimi concorsi scuola che dovranno seguire a questi) di ottenere l’abilitazione all’insegnamento e di poter essere inclusi nelle graduatorie di prima fascia: è il giusto riconoscimento per chi ha affrontato e superato le prove di concorsi impegnativi e sostenuti, inoltre, in periodo di pandemia, in un momento in cui tutto il sistema è stata sottoposto ad un forte stress.
E’ altrettanto doveroso, da parte nostra affermare che questo concorso straordinario è stato da noi contrastato per la sua modalità, in quanto, pur essendo una procedura straordinaria finalizzata a stabilizzare un precariato storico di cui la scuola ha fortemente bisogno, docenti con alle spalle anni di

esperienza nell’insegnamento, esso si è rivelato fortemente selettivo, impedendo, così, la copertura di molte cattedre per l’anno scolastico 2021-2022. Infatti, che la scuola abbia personale abilitato è un successo che non riguarda solo coloro che hanno superati i concorsi, ma anche le ricadute virtuose su tutto il sistema di istruzione.

Ora attendiamo a breve da parte dall’amministrazione regionale di avere indicazione in merito alle tempistiche ed alle modalità di inclusione di coloro che ottengono l’abilitazione nella fascia delle graduatorie a loro dedicata