FP – Indennità rischio Covid per il personale delle microcomunità

0
124

Era il 4 maggio 2021 quando Cgil, Cisl e Uil e le loro Funzioni Pubbliche, scrivevano alle istituzioni regionali interessate, mettendo in risalto come questa indennità dovesse essere rivolta a tutto il personale interessato dagli accadimenti, compreso quello interinale in azienda sanitaria e quello delle case di riposo e delle Cooperative Sociali.

Con sentenza 5 del 2022 depositata il 17 gennaio u.s., la Corte Costituzionale ha dato ragione alla formula che avevamo previsto: già abbiamo avuto modo di esprimere enorme soddisfazione. Spuntano commentatori dell’ultima ora che salgono sul carro dei vincitori, quando in realtà – documenti alla mano- sono state le Funzioni Pubbliche di Cgil, Cisl e Uil a battersi affinché l’indennità una tantum andasse a tutte le lavoratrici e lavoratori della sanità e dell’assistenza valdostane, nelle modalità che la Corte Costituzionale ha ritenuto corrette. Diamo merito anche alla Regione, che dando credito alle nostre proposte negoziali, ha poi difeso gli esiti contro l’impugnativa del Governo in Suprema Corte.

Duole rimarcare invece che alcuni enti locali, hanno scelto di condividere con altri Sindacati e sottoscrivere accordi che prevedevano di togliere a dei lavoratori indennità da sempre percepite per la loro tipologia di attività per erogare a favore di colleghi, andando a creare disparità di trattamento sia all’interno del proprio ente che con altri lavoratori all’interno del comparto unico regionale utilizzando risorse contrattuali ordinarie, per loro natura disponibili a tutto il personale delle nostre pubbliche amministrazioni.

In data odierna si sottoscriverà l’accordo con la Regione perchè finalmente siano erogate le disponibilità alle comunità montane, che provvederanno successivamente a retribuire il meritato premio!

Rivendichiamo quindi e a pieno titolo, una vittoria tutta nostra, Anche se la Regione convoca anche altri Sindacati, non ha in tal modo riconosciuto i nostri meriti esclusivi. Abbiamo responsabilmente voluto però, che a prevalere fossero i risultati per le lavoratrici e non i nostri sacrosanti distinguo.

Inoltre le Organizzazioni Sindacali hanno chiesto formalmente al presidente della Giunta, senza mai ricevere alcuna risposta, affinchè tale indennità sia riconosciuta a tutti i lavoratori operanti delle strutture e microcomunità e servizi di assistenza domiciliare, come riportato nella Legge, alle Cooperative Sociali, J.B Festaz, interinali.

E per tali ragioni CGIL, CISL e Uil Funzione Pubblica continueranno a portare avanti i diritti di questi lavoratori nelle sedi competenti.

Per precisazione, questa la nota delle tre sigle della Funzione Pubblica di Cgil, Cisl e Uil Valle d’Aosta trasmessa al Presidente della Regione Autonoma Valle d’Aosta Erik Lavevaz

Questo il lancio di stampa dell’Agenzia Dire inviata dal Celva

Questa la nostra replica