Pensioni. C'è l'accordo Governo - sindacati. Furlan: "Per i pensionati finalmente un po' di giustizia, ma c'è ancora molto lavoro da fare"

Roma, 28 settembre 2016.  "I pensionati vedono un po' di giustizia dopo tanti anni di manovre sempre in negativo. C'e' stato un cambio di paradigma rispetto alla legge Fornero. Finalmente si usa un linguaggio di coesione sociale e non di spaccatura tra generazioni. Questo non significa che ci accontentiamo: la nostra piattaforma è nella nostra testa e nei nostri cuori" dunque "il lavoro va avanti, restano ancora tante cose da fare", ma quello di oggi "è un buon risultato". Così la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan dopo la sigla del verbale di accordo sulle modifiche al regime pensionistico da introdurre nella legge di stabilità, avvenuta al termine del tavolo conclusivo sul tema della previdenza svoltosi tra i tre Segretari generali di Cgil, Cisl,e Uil, il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti ed il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Tommaso Nannicini. (v. accordo firmato). 
L'ultimo accordo in materia, siglato da Governo e sindacati per  la modifica allo "scalone" pensionistico introdotto dalla legge 243/04, risale al 2007.

Sull'intesa si è espresso anche il Segretario generale della Fnp, la federazione dei pensionati della Cisl, Gigi Bonfanti per il quale "l'accordo rappresenta un traguardo importante dopo mesi di lavoro, che rida' ai nostri pensionati la dignità che per troppo tempo è stata loro negata. Dopo anni nei quali ci siamo battuti per affermare i loro diritti senza ricevere ascolto da parte del governo, assistiamo finalmente ad una presa di posizione con la quale i nostri pensionati ricevono qualcosa senza dare nulla in cambio. Aver ampliato il numero cui andrà la 14esima e l'equiparaziome della no tax area tra lavoratori e pensionati, sono due traguardi importantissimi per noi. Naturalmente non ci fermiamo qui: questo è solo il primo passo di un percorso che andrà avanti a partire da domani, sperando che le risorse a disposizione del governo permettano di portare a compimento anche le altre nostre richieste, come la rivalutazione delle pensioni prevista nella fase due di questo confronto col governo.

Per quanto riguarda l'APE Governo e sindacati si sono impegnati a proseguire il confronto nei prossimi giorni.

 Leggi anche: