FISASCAT: Stato di agitazione dei dipendenti Carrefour

0
106

Le organizzazione Sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil Nazionali, congiuntamente al Savt Commerce nella nostra Regione, hanno dichiarato lo stato di agitazione dei lavoratori di Carrefour Italia a seguito del piano presentato dall’impresa il 1° ottobre.

La determinazione è stata presa in quanto:

– sono stati dichiarati 615 EFT (full time equivalenti) in esubero, senza alcuna indicazione circa i criteri

adottati dall’azienda per giungere a tale quantificazione;

– è stata annunciata la scelta di cedere in franchising 106 punti vendita, omettendo quali saranno i negozi da dismettere e bypassando un confronto di merito in ordine alle garanzie ed alle tutele per i lavoratori che attualmente operano nei predetti negozi;

– non è stato fornito alcun piano di rilancio convincente sulla rete vendita diretta, poiché ciò che Carrefour chiama sviluppo consiste unicamente nella programmazione di nuove attività affidate in gestione ad aziende terze ed in un’ennesima procedura di licenziamento collettivo che si aggiunge a precedenti interventi che hanno ridotto l’organico diretto e peggiorato le condizioni di lavoro.

Le OO.SS. ritengono necessario che alla ripresa del confronto l’impresa fornisca risposte concrete a tutela dell’occupazione e delle condizioni di lavoro.