Nuova sede CISL Pensionati in Viale Europa di Aosta

0
741

La CISL della Valle d’Aosta è consapevole del momento di particolare difficoltà che stiamo vivendo e con altrettanto realismo sa che il prossimo futuro sarà denso di situazioni delicate per tante persone: lavoratori, pensionati, cittadini.

Abbiamo quindi pensato di aprire un ufficio per il pubblico in una delle zone di Aosta più abitate, al civico 36 di Viale Europa, di fronte alla biblioteca comunale e vicino alla chiesa di Saint-Martin de Corléans.

La sede è della Federazione dei Pensionati della Cisl e gli spazi ospiteranno anche, su appuntamento, i nostri servizi. Saranno operativi i referenti del Patronato Inas, per il conteggio della pensione, l’anticipo del TFR e TFS, i sostegni al reddito, ma anche il rinnovo dei permessi di soggiorno; il Caf con i suoi servizi fiscali, 730, Unico, ma anche Isee, contratti di affitto e reddito di cittadinanza; presente anche l’Adiconsum a difesa dei consumatori e l’ambiente, a supporto per i tanti problemi del quotidiano.

Da sempre lavoriamo su diversi tavoli per dare voce al mondo del lavoro e con i nostri servizi siamo al fianco di coloro che hanno bisogno per destreggiarsi tra i tanti obblighi che ognuno di noi deve attivare per adempiere alle tante richieste che dobbiamo produrre per rispondere alla burocrazia che gli organismi centrali ci chiedono.

Per questo, in questo momento, siamo ancora più convinti che la nostra presenza sul territorio possa risultare utile alle persone che cercano aiuto. Siamo e vogliamo essere propositivi per assistere a superare il momento di grande confusione e scoramento che questa emergenza sanitaria ha portato in tutti noi.

La resilienza, termine oramai d’uso comune, è la capacità di affrontare e superare i periodi di difficoltà. La federazione dei Pensionati e tutta la Cisl sono convinti che essere presenti sul territorio è la chiave per aiutare ad uscire da questa situazione carica di incognite e dell’angoscia che attanaglierà e che, come Cisl, vogliamo contrastare mettendo in campo tutto il nostro impegno, le nostre competenze e la responsabilità che, come sindacato, sappiamo di poter metter a fattor comune.